Chi siamo: l'Avv. Ezio Bonanni - Studio Legale


"Chi siamo? Siamo persone che interpretano il ruolo dell'avvocato come missione: assistere e difendere, rappresentare e tutelare tutti i cittadini, prima di tutto le vittime;

Chi siamo? Siamo coloro che, contro tutti e tutto, abbiamo tutelato, assistito e difeso le vittime dell'amianto e i loro famigliari e al tempo stesso richiesto la bonifica degli ambienti di vita e di lavoro per evitare le future malattie e quindi i futuri decessi, lutti e tragedie inaccettabili. 

Chi siamo? Siamo coloro che affermiamo la necessità di un'avvocatura posta al servizio del cittadino, del più umile anche contro il più potente e contro i poteri costituiti, come presidio di legalità e di tutela della dignità della persona umana. 

Chi siamo? Essere umani, al pari di qualsiasi altro essere umano che chiede di essere assistito, molte volte contro i poteri costituiti, contro ogni sopraffazione e ingiustizia"  (Cit. Ezio Bonanni)


L'Avv. Ezio Bonanni, titolare dell'omonimo studio legale, assiste e difende i cittadini e lavoratori, per ottenere la tutela dei loro diritti. 

Tutti coloro che hanno necessità di ottenere il risarcimento dei danni, per esposizione ad amianto e ad altri cancerogeni, per responsabilità medica, per mobbing, licenziamenti illegittimi e lesione di qualsiasi altro diritto e per risolvere qualsiasi altro problema, possono rivolgersi allo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni, che svolge la sua attività in tutto il territorio nazionale e ha la sua sede in Roma, Via Crescenzio, 2, scala B, int. 3 (06668309534) e in Latina, Via Svetonio, 16 (0773663593).

Per poter accedere alla consulenza legale, anche prima di fissare l'appuntamento presso lo studio, è sufficiente farne richiesta attraverso la sezione di questo sito Consulenze legali gratuite.


Se hai anche solo la necessità di chiarire un dubbio o se devi risolvere un problema o se hai bisogno di un consiglio, contatta lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni sempre attraverso la sezione Consulenze legali gratuite.


Tutela delle vittime dell'amianto: risarcimento danni e prestazioni previdenziali e prepensionamenti


L'Avv. Ezio Bonanni, titolare dello studio legale, è abilitato al patrocinio presso la Suprema Corte di Cassazione e le altre Magistrature superiori.

Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni, fin dal gennaio del 2000, ha tutelato e rappresentato i lavoratori esposti e vittime dell'amianto.

L' Avv. Ezio Bonanni ha acquisito quindi una particolare esperienza nella loro rappresentanza e tutela legale, ed è anche il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto, associazione rappresentativa delle vittime dell'amianto, fondata per accogliere tutte le vittime e combattere con loro attraverso la giusta rappresentanza legale.

L'Avv. Ezio Bonanni ha rappresentato le vittime dell'amianto in sessioni e incontri di studio che si sono svolti anche negli Stati Uniti, affermando il principio della tutela della salute attraverso la prevenzione primaria. 


La consultazione delle sezioni del sito di questo studio fornisce delle informazioni fondamentali per permettere la tutela di chi è esposto, dei famigliari e vittima dell'amianto:

  • Responsabilità civile e penale in caso di esposizione ad amianto e ad altri agenti cancerogeni e tossico-nocivi e prevenzione primaria per la tutela della salute e degli ambienti di vita e di lavoro;
  • Risarcimento dei danni per esposizione ad amianto e per insorgenza delle patologie asbesto correlate (mesotelioma, cancro ai polmoni, alla laringe, alla faringe, allo stomaco, alle ovaie e al colon retto, asbestosi, placche pleuriche e ispessimenti pleurici)
  • Riconoscimento INAIL delle patologie asbesto correlate e accredito degli indennizzi e delle rendite, e rilascio della certificazione di esposizione ad amianto;
  • Accredito delle prestazioni aggiuntive del Fondo Vittime Amianto anche in favore di coloro che si sono ammalati di mesotelioma e altre patologie asbesto correlate per esposizioni ambientali;
  • Riconoscimento della qualità di Vittima del Dovere con equiparazione alla Vittima del Terrorismo di quei dipendenti, civili e militari, delle Forze Armate e del comparto sicurezza che hanno contratto patologie asbesto correlate;
  • Prepensionamento per i lavoratori esposti ad amianto, ex art. 13 comma 8 L. 257/92 (esposizione per oltre 10 anni) ed ex art. 13 comma 7 L. 257/92 (lavoratori esposti ad amianto che hanno ottenuto dall'INAIL il riconoscimento della patologia) e pensionamento immediato dei lavoratori affetti da mesotelioma, cancro polmonare e asbestosi, che è stata riconosciuta dall'INAIL, ovvero dall'ente gestore della posizione previdenziale (ex art. 1, comma 250, L. 232/2016);
  • Risarcimento dei danni anche da esposizione a polveri e fibre di amianto e per paura di ammalarsi, anche alla luce dei principi stabiliti dalla Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, Sentenza 13 ottobre 2017, n. 24217).


Risarcimento danni e tutela delle vittime per esposizioni professionali e ambientali e lavorative ad agenti cancerogeni e tossico-nocivi


Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni si occupa della tutela dei diritti dei cittadini affermando la necessità della prevenzione primaria, cioè di evitare ogni forma di esposizione ad agenti patogeni e tossico-nocivi che purtroppo sono presenti nei luoghi di vita e di lavoro, anche con azioni legali in prevenzione, per interrompere condotte che mettono in pericolo e sono dannose per l'ambiente e per la salute dei singoli e della collettività. 


  • Quali sono gli altri agenti cancerogeni oltre all'amianto

Purtroppo c'è una scarsa attenzione per la tutela della salute e dell'ambiente e il numero degli agenti cancerogeni e tossico-nocivi utilizzati nei processi produttivi si è moltiplicato e con loro le esposizioni dannose per la salute, sia dei lavoratori che dei cittadini. 

Siamo convinti che soltanto evitando ogni forma di esposizione agli agenti patogeni e cancerogeni si possa ottenere una effettiva tutela della salute (art. 32 Cost.). 

Lo IARC, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, istituita dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, con le sue monografie, ha formulato una classificazione delle sostanze cancerogene:

  1. Gruppo 1: Cancerogene (Carcinogenic to humans), 120 agenti;
  2. Gruppo 2A: Probabilmente cancerogene (Probably carcinogenic to humans) 81 agenti;
  3. Gruppo 2b: Possibilmente cancerogene (Possibly carcinogenic to humans) 299 agenti;

Si deve dunque evitare l'esposizione a quegli agenti che sono stati classificati come cancerogeni e tossico-nocivi, ivi compresi i metalli pesanti (mercurio, piombo, cadmio, selenio, tallio, nickel, argento, manganese, como, ferro e bario). 

Tra gli agenti classificati cancerogeni dallo IARC e quindi gravemente dannosi per la salute umana, rispetto ai quali si può ottenere tutela sia in prevenzione sia a titolo di risarcimento dei danni, possono essere annoverate le seguenti sostanze: fumo di sigaretta, scarichi diesel, radon, catrame, acetaldeide (etanale; aldeide acetica), aminobifenil, acidi aristolochici e piante che li contengono, arsenico e composti con arsenico, azatioprina, benzene, benzidina, benzopirene, berillio, chlornapazina (N, N-Bis(2-chloroethyl)-2-naphthylamine), etere bis(chloromethyl), etere hloromethyl methyl, butadiene, butanediolo dimethanesulfonato (Busulphan, Myleran), cadmio e composti di cadmio, chlorambucil, methyl-CCNU (1-(2-Chloroethyl)-3-(4-methylcyclohexyl)-1-nitrosourea), composti a base di cromo, ciclosporina, anticoncezionali, ormonali, forme combinate (quelli che contengono estrogeni e progestogeni), anticoncezionali, orali, forme di contraccezione in sequenza (un periodo di soli estrogeni seguito da un periodo di estrogeni e progestogeni), cyclophosphamide, diethylstilboestrol, tinture a base di benzidina, virus di Epstein-Barr, estrogeni, nonsteroidei, estrogeni, steroidi, terapia con estrogeni per menopausa, etanolo negli alcolici, erionite, ossido di ethylene, etoposide solo e in combinazione, gormaldeide, arsenide di Gallio, rimedi a base di erbe con piante del genere Aristolochia, melphalan, methoxsalen (8-Methoxypsoralen) con raggi ultravioletti, Am 4,4′-methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA), MOPP e altre chemoterapie, gas nervino (sulphur mustard), 2-Naphthylamine, radiazioni di neutroni, composti di nickel, 4-(N-Nitrosomethylamino)-1-(3-pyridyl)-1-butanone (NNK), N-Nitrosonornicotina (NNN), inquinamento dell’aria, particolato pesante nell’inquinamento atmosferico, fosfati, plutonio-239, radio, cristalli di silicio, tamoxifen, 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-para-diossina, Thiotepa, il Treosulfan,  Ortho-toluidine, clorato di Vinyl e raggi X e raggi gamma.


Chi è stato esposto per motivi di lavoro a questi agenti cancerogeni ha diritto alla sorveglianza sanitaria, anche dopo la cessazione dell'esposizione alle condizioni di rischio e, in caso di danni, al loro integrale risarcimento oltre alla rendita INAIL e, per il personale civile e militare delle Forze Armate e del comparto sicurezza, al riconoscimento della causa di servizio, e quindi del diritto alla pensione privilegiata e di Vittima del Dovere con equiparazione ai fini previdenziali alla Vittima del Terrorismo. 


Siamo coloro che affermano la necessità della tutela della salute nei luoghi di vita e di lavoro presuppone la rimozione di tutti gli agenti patogeni e cancerogeni e quindi di evitare ogni forma di esposizione (prevenzione primaria), oltre che evidentemente l'adozione delle migliori misure di prevenzione tecnica e prevenzione individuale di chi è comunque esposto e di chi è comunque sottoposto al rischio. 

Siamo coloro che ritengono necessario quindi agire per la tutela dei diritti dei lavoratori e dei cittadini prima che si concretizzi la condizione di rischio con esposizioni ad amianto e ad altri agenti tossico-nocivi (tra i quali i metalli pesanti: mercurio, piombo, cadmio, selenio, tallio, nickel, argento, manganese, como, ferro e bario), perché tali sostanze, inalate e ingerite, provocano comunque danni all'organismo e avviano processi irreversibili.

Per saperne di più: Patologie ambientali e lavorative. MCS Amianto e giustizia, Bonanni Ezio, Ugazio Giancarlo,  Minerva Medica, 2011 .


  • Tutela delle vittime di MCS - sensibilità chimica multipla

Siamo circondanti da agenti tossico-nocivi e cancerogeni che determinano danni alla salute umana anche a prescindere dall'insorgenza di vere e proprie patologie, ovvero anche prima della loro manifestazione, che sopraggiunge dopo che le difese del nostro organismo vengono sopraffatte: ecco perché siamo convinti che la salute si tuteli evitando le esposizioni a tutte gli agenti cancerogeni e tossico-nocivi.


L'MCS (sensibilità chimica multipla) è provocata dall'esposizione a composti chimici presenti negli ambienti di vita e di lavoro, che interagisce con i nostri fattori genetici e li trasforma in geni suscettibili/alterati e quindi è sufficiente poi un'esposizione successiva a qualsiasi composto chimico per innescare l'MCS.

Secondo le stime dell'Osservatorio Nazionale Amianto, Dipartimento MCS, che si avvale della collaborazione del Prof. Giancarlo Ugazio, dall'1% al 10% della popolazione generale è suscettibile al rischio di insorgenza di MCS.

Tra l’altro, tale predisposizione genetica a perdere la tolleranza per i veleni ambientali è ereditaria.

Un esempio molto esplicito di ciò si ritrova leggendo la storia clinica personale (n.56) di  di Alison Johnson, curatrice dell’opera "Casualties of progress”, le cui entrambi figlie, manifestavano già i sintomi prodromici della sindrome, quando le istruzioni della madre permisero loro di evitare l’esposizione agli agenti patogeni dell’ambiente, in particolar modo quelli legati alle ristrutturazioni edilizie, e quindi di non ammalarsi. Altri casi di morbiita’ da MCS in fieri o conclamata, che coinvolgono diversi componenti dello stesso nucleo familiare, sono stati trovati di recente: uno e’ riportato nel capitolo 2 della monografia MCS-III del sito web www.grippa.org (storia clinica n. 12), l’altro e’ stato illustrato nella trasmissione Rai “MI MANDA RAI-TRE” del  7 maggio 2010.


L'MCS è provocata da esposizioni a pesticidi, insetticidi, fumiganti, fertilizzanti, prodotti per pulizia domestica, rinfrescanti dell’aria, deodoranti, colla, autoadesivi, tappeti, materiali nuovi per edilizia, vernici, inchiostro, emissioni dalle fotocopiatrici, carte senza inchiostro, carte per copiare prive di carbone, emissioni di scarico del motore a scoppio, benzina, fumi emessi dal bruciatore del barbecue, combustione di legna, profumi, prodotti profumati, carta carbone, shampoo, prodotti per capelli, prodotti cosmetici, incenso, solventi per lavaggio a secco, e virtualmente tutto ciò  che si trova nell'ambiente. 

Un importante agente patogeno e’ il mercurio dell’amalgama Hg-Ag con cui vengono otturate le cavità cariose dei denti; esso lentamente si libera nel cavo orale, viene assorbito, poi provoca neuro- e nefro-tossicità’.


L'Avv. Ezio Bonanni e il Prof. Giancarlo Ugazio, coordinatore del Dipartimento Patologie Ambientali dell'Osservatorio Nazionale Amianto, nel gennaio 2011, hanno pubblicato con Minerva Medica, Patologie ambientali e lavorative. MCS Amianto e giustizia.

 

Nel caso di manifestazioni MCS (sensibilità chimica multipla), il paziente ha diritto a tutte le terapie a carico del SSN e, in mancanza, al pagamento delle spese mediche che fosse costretto ad affrontare in centri all'estero, oltre al risarcimento dei danni e alle prestazioni previdenziali ed assistenziali. 


Responsabilità medica e risarcimento per malasanità


L'Avv. Ezio Bonanni tutela i diritti dei cittadini che sono vittime di malasanità e di inadempimento degli obblighi propri del SSN e, in caso di inadempimento dell'obbligazione medica, sia delle strutture sanitarie che del personale medico e paramedico.

L'Avv. Ezio Bonanni, in qualità di presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto, ha favorito la costituzione del Dipartimento Malasanità e Risarcimento Danni dell'Osservatorio Nazionale Amianto, che si occupa di fornire assistenza tecnica, medica, medico-legale e giuridica a tutti i cittadini vittime di malasanità, a partire da coloro che si sono visti negare il diritto alla sorveglianza sanitaria, fino a coloro che hanno subito ritardi nella diagnosi di mesotelioma ed errori nelle cure delle patologie asbesto correlate, fino a tutti gli altri ambiti e settori della responsabilità medica e della malasanità.

Siamo al fianco di tutte le vittime di malasanità e cioè di chi ha subito dei danni alla salute.

Per saperne di più sui diritti al risarcimento dei danni per malasanità e possibile consultare in questo sito le sezioni:

e per le notizie il sito dell'Osservatorio Nazionale Amianto - Malasanità 


La tutela dei diritti dei lavoratori


L'Avv. Ezio Bonanni è stato docente nel Master di II livello sul mobbing presso presso la Facoltà di Giurisprudenza e Medicina della Università degli Studi di Bari e fa parte dal 2009 del Comitato di Redazione della rivista giuridica telematica Il Diritto dei Lavori, diretta dal Prof. Gaetano Veneto.

È inoltre autore di numerose pubblicazioni in materia di tutela dei diritti dei lavoratori, che possono essere consultate nella sezione di questo sito.

Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni tutela i diritti dei lavoratori in caso di:

 

  • licenziamento illegittimo, per ottenere la reintegra e il risarcimento dei danni;
  • mancato pagamento delle retribuzioni e contribuzioni;
  • malattia professionale, per il riconoscimento delle prestazioni previdenziali e risarcimento danni;
  • mobbing, per ottenere l'interdizione delle condotte lesive e il risarcimento di tutti i danni;
  • tutela di tutti gli altri diritti dei lavoratori;
  • demansionamento;
  • assistenza legale dei lavoratori sottoposti a procedimenti disciplinari;
  • adeguata remunerazione per i medici specializzandi;
  • riconoscimento di  causa di servizio e pensioni privilegiate;
  • riconoscimento delle prestazioni previdenziali, anche a titolo di prepensionamento per esposizione ad amianto, polveri, lavori usuranti, etc.

Diritto di famiglia e tutela dei minori


Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni, da 25 anni, si occupa anche di diritto di famiglia.

Lo studio legale ha dedicato molta attenzione alla tutela dei famigliari delle vittime dell'amianto e in particolare dei minori, molto spesso rimasti orfani in giovane età a causa delle malattie asbesto correlate.

Le esposizioni ad amianto e ad altri agenti tossico-nocivi hanno infatti delle concrete ripercussioni anche nella famiglia del lavoratore/cittadino vittima.

Il mesotelioma, il cancro polmonare, gli altri cancri da amianto, l'asbestosi e le placche pleuriche e gli ispessimenti pleurici hanno infatti un effetto altamente invalidante e determinano il decesso della vittima.


In tale situazione, il coniuge e i figli, anche in tenera età subiscono gravi pregiudizi che vanno anche oltre la sfera emotiva ed affettiva: rimangono infatti privi di reddito, ovvero debbono affrontare, oltre all'assistenza e alla morte dei  loro cari, degli iter amministrativi e giudiziari irti di ostacoli, con ritardi da parte dell'INAIL e dell'INPS e degli altri enti deputati all'accredito di quanto loro dovuto e con difficoltà anche ad ottenere il risarcimento dei danni.

Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni ha dedicato e continua a dedicare molta attenzione alla tutela dei minori e della famiglia anche in altri ambiti e sfere di operatività per la loro migliore tutela, rappresentanza e difesa.

Per saperne di più consulta la sezione Diritto di Famiglia



L'Avv. Ezio Bonanni - Consulenza Legale: contattare lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni al n. 0773/663593, per chiedere di fissare un appuntamento presso il suo studio di Roma o di Latina, oppure per una consulenza scritta. Inoltre, è possibile ottenere la consulenza legale attraverso questo sito Internet, con la compilazione del form

Clicca qui, per la consulenza legale gratuita dell'Avv. Ezio Bonanni.


Ricorda di inviare il tuo recapito telefonico per essere ricontattato più velocemente!


Condividi i nostri contenuti sui Social!