Avv. Ezio Bonanni: mesotelioma

Cura e tutela legale

Guida pratica per sconfiggere il mesotelioma

Il mesotelioma è il tumore tipico dell'amianto. La quasi totalità dei mesoteliomi viene diagnosticata a chi è stato precedentemente esposto alle fibre di asbesto. 

Il mesotelioma si può prevenire e curare. Il mesotelioma, se diagnosticato al primo stadio, ha eccellenti possibilità di guarigione con la terapia multimodale del mesotelioma, secondo il protocollo elaborato dall'Osservatorio Nazionale Amianto. 

>> https://www.osservatorioamianto.com/trattamento-multimodale-mesotelioma/

In alcuni casi, il mesotelioma si può anche guarire

detto anche il tumore dell'amianto. Soltanto evitando le esposizioni ad amianto ci può essere efficace prevenzione del mesotelioma. Per chi è stato già esposto alla fibra killer, è necessaria la sorveglianza sanitaria per la diagnosi precoce.

 

del secolo. Dobbiamo lottare contro l'amianto e contro il mesotelioma. Prima di tutto la prevenzione primaria e poi ancora quella secondaria con la diagnosi precoce, la terapia e cura e infine quella terziaria (risarcimento dei danni, rendite INAIL, prepensionamento, riconoscimento vittima del dovere).

Prevenzione del mesotelioma

Il mesotelioma si può prevenire evitando le esposizioni a polveri e fibre di amianto, così questo killer può essere sconfitto: è quindi necessaria la bonifica e messa in sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro. 

>> https://www.osservatorioamianto.com/smaltimento-asbesto-eternit/

 

Assistenza legale vittime amianto

L'Avv. Ezio Bonanni, con il suo studio legale, assiste tutte le vittime dell'amianto, anche coloro che sono a rischio mesotelioma e coloro che purtroppo hanno ricevuto una diagnosi di mesotelioma, per la tutela dei loro diritti e di quelli dei loro famigliari.

Cura mesotelioma

L'Avv Ezio Bonanni è il presidente dell'Osservatorio Nazionale sull’Amianto - ONA Onlus, associazione senza fini di lucro che tutela, rappresenta e difende i cittadini esposti e vittime dell'amianto e i loro famigliari. L'ONA è la più organizzata e indipendente organizzazione italiana di vittime dell'amianto e ha reso un contributo fondamentale per l'avanzamento della ricerca e migliori standard di assistenza medica e legale per tutti coloro che sono colpiti dal mesotelioma e da patologie asbesto correlate e i loro famigliari.

>> https://www.osservatorioamianto.com/ 

Le fibre di amianto / asbesto sono le uniche cause del mesotelioma, che è un cancro che colpisce le sierose e si distingue in 

  • mesotelioma pleurico, tumore della pleura (membrana che avvolge i polmoni);
  • mesotelioma peritoneale, tumore della membrana che avvolge il peritoneo;
  • mesotelioma pericardico, tumore della cavità attorno al cuore;
  • mesotelioma della tunica vaginale, tumore della membrana che riveste i testicoli;

Per poter prevenire il mesotelioma è sufficiente evitare di esporsi a polveri e fibre di amianto (prevenzione primaria). 

>> Per saperne di più consulta la sezione del Dipartimento Ricerca e Cura del Mesotelioma

Tutela legale vittime del mesotelioma

I lavoratori esposti ad amianto hanno diritto al prepensionamento e/o all'aumento della prestazione pensionistica: 

>>https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/tutela-legale-per-benefici-contributivi-per-esposizione-ad-amianto/

Coloro che si ammalano di patologie asbesto correlate hanno diritto alla costituzione della rendita INAIL e al risarcimento di tutti i danni:

>>https://www.eziobonanni.com/danni-da-amianto-risarcimenti-rendite-e-benefici-contributivi/

Per approfondimenti sul diritto al risarcimento dei danni, quantificazione e azione in sede civile:

>> https://www.eziobonanni.com/mesotelioma/risarcimento-danni-amianto/

Per approfondire sui diritti previdenziali INAIL:

>> https://www.eziobonanni.com/mesotelioma/rendita-inail-fondo-vittime-amianto/

 

Mesotelioma: manuale per cura e tutela legale

Mesotelioma Ezio Bonanni

Il quaderno Tematico dell'ONA n.123 "Come curare e sconfiggere il mesotelioma ed ottenere le tutele previdenziali ed il risarcimento danni" è un manuale esplicativo che si trasforma in uno strumento di facile consultazione e guida per coloro che sono stati esposti ad amianto e temono di ammalarsi di mesotelioma e per coloro che purtroppo hanno già ricevuto la diagnosi di mesotelioma. 

Le vittime dell’amianto e coloro che si sono ammalati di mesotelioma in molte occasioni si debbono scontrare con la burocrazia per ottenere la tutela dei loro diritti (assistenza medica, sorveglianza sanitaria, pensione amianto, rendita INAIL, riconoscimento vittima del dovere). Per questi motivi, l'Avv. Ezio Bonanni, forte della sua esperienza professionale nel rappresentare e difendere le vittime dell'amianto e del mesotelioma, e Presidente dell’Osservatorio Nazionale sull’Amianto – ONA Onlus, ha scritto questo manuale esplicativo, che permette alle vittime di potersi districare e di poter accedere ai servizi del SSN, e dell'associazione (assistenza legale e medica).

Il manuale è consultabile gratuitamente. È una guida per la tutela delle vittime e dei famigliari.

Download
COME CURARE IL MESOTELIOMA.pdf
Documento Adobe Acrobat 777.2 KB

L'Avv Ezio Bonanni è l'autore della monografia "Mesotelioma: manuale per la cura e tutela legale": una guida per chi è stato esposto ad amianto e per chi ha ricevuto la diagnosi di mesotelioma come strumendo per la terapia e cura del mesotelioma e per la tutela dei diritti. 


Assistenza medica: approfondimenti

In caso di diagnosi di mesotelioma, ci si può rivolgere al Dipartimento Ricerca e Cura del Mesotelioma dell'Osservatorio Nazionale Amianto anche attraverso il numero verde 

Per approfondimenti: 

>> https://www.osservatorioamianto.com/

Assistenza legale

Chi è vittima di mesotelioma e i suoi famigliari ha diritto al risarcimento dei danni e alle prestazioni previdenziali e assistenziali. 

I lavoratori esposti ad amianto, e coloro che si ammalano di mesotelioma, hanno diritto al prepensionamento immediato, con la rivalutazione dei periodi di lavoro con il coefficiente 1,5, sulla base dell'art. 13 comma 7 della Legge 257 del 1992.

>> https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/aumento-pensioni-malati-amianto/

Nel caso in cui non ci sia la maturazione del diritto a pensione pur con l'aumento contributivo del 50% del periodo, il malato di mesotelioma ha diritto al prepensionamento amianto sulla base dell'art. 1 comma 250 della Legge 232 del 2016.

Per approfondimenti:

>> https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/pensione-immediata-per-il-lavoratori-malati-da-amianto/

Risarcimento danni vittime mesotelioma

La vittima del mesotelioma ha il diritto al risarcimento del danno. 

Per approfondimenti si possono consultare le seguenti sezioni di questo sito:

Mesotelioma: rendita INAIL

L'Avv Ezio Bonanni ti guida nei meandri della burocrazia italiana per ottenere il riconoscimento della rendita INAIL nel caso tu sia vittima di mesotelioma o se sei un famigliare di un paziente o purtroppo di una vittima deceduta a causa di questa gravissima patologia asbesto correlata provocata dall'esposizione ad amianto.

  • La denuncia di malattia professionale: è una certificazione indispensabile per avviare la procedura di riconoscimento dell'origine professionale della patologia e per ottenere la rendita diretta oppure la rendita in reversibilità per il coniuge e i figli;
  • L’accertamento del danno biologico permanente: questo accertamento è fondamentale sia per ottenere il riconoscimento dell'origine professionale della patologia asbesto correlata e per quantificare il grado invalidante, e anche nell'eventuale giudizio di risarcimento dei danni a carico del datore di lavoro e degli altri responsabili;
  • La revisione del danno permanente: in alcuni casi, l'INAIL chiede di poter riesaminare la quantificazione del danno biologico. In tanti altri casi questa richiesta è formulata dal lavoratore avente diritto vittima di patologia asbesto correlata le cui condizioni di salute si sono aggravate;
  • Il ricorso amministrativo (art. 104 del DPR 1124/65) e giudiziario: nel caso di mancato riconoscimento della rendita, ovvero di attribuzione di un quadro invalidante inferiore all'effettivo danno biologico subito dal paziente, si ha il diritto di ricorrere in via amministrativa per far fissare la visita collegiale INAIL. Successivamente si potrà ricorrere al giudice del lavoro (442 cpc) per ottenere la tutela di tutti i diritti;
  • Le prestazioni INAIL del lavoratore assicurato: il lavoratore assicurato ha diritto all'indennizzo del danno biologico e al risarcimento dei danni da diminuite capacità di lavoro, con una rendita mensile, la cui entità tiene conto della retribuzione e del grado invalidante, a condizione che questo sia pari almeno al 16%. In caso di grado inferiore, purché quantomeno del 6%, è dovuto il solo indennizzo del danno biologico; 
  • Le prestazioni in caso di decesso: la rendita INAIL viene liquidata al coniuge superstite nella misura del 50% della prestazione spettante all'avente diritto (rendita di reversibilità) e ai figli nella misura del 20% per ognuno, a condizione che non superi l'iniziale 100%. 

Mesotelioma nella vittima del dovere

Se la vittima di mesotelioma ha prestato servizio nelle Forze Armate (Marina, Aeronautica, Esercito, Carabinieri), oppure nel comparto sicurezza (Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, etc.) ha diritto al riconoscimento di vittima del dovere. 

Le prestazioni previdenziali e assistenziali della vittima del dovere consistono in:

Per approfondimenti leggi il manuale dell'Avv Ezio Bonanni:

Mesotelioma riconoscimento vittima del dovere

Se sei un dipendente del Ministero della Difesa e/o del Ministero delle Finanze e/o del Ministero dell'Interno e sei vittima di mesotelioma, potrai chiedere il riconoscimento di vittima del dovere con equiparazione alle vittime del terrorismo. 

Per saperne di più consulta:

>> https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/riconoscimento-di-vittima-del-dovere/


Consulenza gratuita

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


“Sogno un mondo senza cancro e per poterlo realizzare dobbiamo intervenire non con la farmacia o con la clinica, ma con la cultura della prevenzione primaria, del rischio zero e con l’organizzazione del lavoro, di produzione degli alimenti, che vieti l’uso di sostanze tossico nocive e quindi evitare alla radice ogni danno per la salute” (Cit. Avv Ezio Bonanni).


Condividi i nostri contenuti