Legislazione e giurisprudenza in materia asbesto

Studio Legale

L'amianto è un minerale fibroso le cui fibre provocano malattie (asbestosi, placche pleuriche, ispessimenti pleurici) e tumori (mesotelioma, tumore al polmone e altri cancri) mortali. L'Avv. Ezio Bonanni è il pioniere della difesa delle vittime, e in questa pagina spiega la legislazione e la giurisprudenza in materia di asbesto amianto.

 

L'Avv. Ezio Bonanni offre assistenza per la prevenzione dei danni asbesto, per la diagnosi precoce, terapia e cura,  per il riconoscimento dei diritti previdenziali delle vittime. Nello specifico: prepensionamento, rendite INAIL e risarcimento danni. La materia dei danni da asbesto è regolata dalla legislazione amianto .

Assistenza legale gratuita: sintesi della legislazione

L'Avv. Ezio Bonanni, in questa sezione, ha elaborato la sintesi dell'amianto legislazione, uno strumento di tutela del cittadino. Questi ultimi hanno diritto, a vedersi risarcire i danni subiti, in conseguenza dell'esposizione amianto.

 

Nel caso di decesso, sono titolari del diritto gli eredi, che possono chiedere anche i danni sofferti direttamente e la rendita in reversibilità. I lavoratori esposti hanno diritto al prepensionamento.

S.O.S. tutela legale vittime amianto

numero verde ONA

Richiesta consulenza gratuita online

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

I passi nella legislazione amianto: un riepilogo

Danni da Amianto, rendite, prepensionamenti e risarcimento dei danni

Già il Regio Decreto 442/1909 vietava a donne e fanciulli di entrare in contatto con le lavorazioni dell’asbesto, essendo stata appurata la loro insalubrità. (cfr. Cass., IV Sez. pen., n. 49215/2012). 

 

Con la L. 455/1943, l’asbestosi fu inserita nella Lista I dell'INAIL, delle patologie professionali da asbesto, di cui si presume l'origine professionale e che prevedono indennizzo. Contestualmente furono varate le prime norme specifiche per la prevenzione dei danni amianto. 

 

Con il DPR 303/1956 sono state dettate le norme di prevenzione tecnica agli artt. 4, 19, 20, 21. Con il DPR 547/1955, sono state dettate invece, le norme di protezione individuale: artt. 377 art 387. L'unanime consenso scientifico sulla cancerogenicità dell'asbesto, per l'apparato respiratorio e in particolare per il polmone venne raggiunto con la pubblicazione del lavoro di Richard Doll dal titolo: " A study of lung cancer mortality in asbestos workers" (1955).

 

Nel 1964, le tesi del Prof. Irving Selikoff  sulla riconducibilità del mesotelioma alle esposizioni ad asbesto furono accolte a livello globale.  I suoi studi, erano stati precedentemente presentati in occasione della conferenza internazionale di New York, sugli effetti biologici dell'asbesto, presso l' Accademia delle Scienze.

La giurisprudenza più recente in materia amianto

Secondo la legislazione amiantogiurisprudenza amianto, i lavoratori esposti hanno diritto al prepensionamento.

Si può accedere alla misura, del 50% del periodo di esposizione se superiore ai 10 anni , art. 13 comma 8 L. 257/1992.

In caso di patologie asbesto correlate, riconosciute dall'INAIL, non è necessario avere un periodo minimo di esposizione, né trovano applicazione le norme sulla decadenza. Inoltre, il termine di prescrizione inizia dal riconoscimento della patologia, art. 13 comma 7 L. 257/1992.

 

In caso di mesotelioma, cancro polmonare o asbestosi, c'è diritto al pensionamento immediato requisito minimo: 5 anni di anzianità contributiva di cui 3 negli ultimi 5 anni.

Con l'art. 1, comma 250, Legge 232/2016, le vittime di mesotelioma, tumore polmonare e asbestosi hanno diritto al prepensionamento a prescindere dall'età e dalla anzianità contributiva. Per approfondire: 

La messa al bando dell'asbesto con la L.257 del '92

In Italia, l'asbesto è stato messo al bando con la legge 257/1992L'entrata in vigore della sopracitata legge, non è stata risolutiva.

Basti pensare che fino al 1992, l'Italia è stato il secondo produttore europeo di asbesto (3.748.550 tonnellate) e ancora ad oggi ce ne sono 40 milioni di tonnellate. Un milione di micrositi e in 50 mila siti, comprese scuole, ospedali e altri luoghi di vita e di lavoro. 

La legislazione sulla procedura di bonifica amianto

Il Prof. Tito Boeri, Presidente dell'INPS, ha previsto che saranno necessari 85 anni per completare lo smaltimento dell'amianto. Solo con un intervento del legislatore e la collaborazione di tutte le associazioni e cittadini, si potrà ottenere lo smaltimento dell'Eternit, in tempi più rapidi. 

 

Lo studio legale dell'Avv Ezio Bonanni, ha sempre sostenuto che la soluzione più importante da adottare sia la sinergia tra  prevenzione primaria e secondaria. In questo modo, sarà possibile ottenere diagnosi e cura delle malattie, più efficacemente. Solo successivamente si potrà focalizzare l'attenzione sui risarcimenti danni asbesto, rendite e prepensionamenti, ovvero la prevenzione terziaria

 

Per questo è importante che la legislazione amianto, sia fruibile in quanto strumento fondamentale del cittadino per la tutela dei suoi diritti.  

Il rapporto mesotelioma dell'ONA onlus

L'asbesto è stato utilizzato in 3.000 applicazioni, in tutti i comparti produttivi, come riportato nello specifico dal rapporto mesoteliomi dell'ONA Onlus

 

Le esposizioni ambientali e lavorative causano dei danni irreversibili alla salute, a partire dalle infiammazioni per finire a malattie mortali come cancri e neoplasie. 

Giurisprudenza nazionale ed europea

Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni ha più volte sottolineato che l'atteggiamento di istituzioni, INPS e INAIL, che negano i diritti delle vittime, hanno determinato un grosso contenzioso con una molteplicità di decisioni e sentenze. I datori di lavoro spesso rifiutano il risarcimento danni amianto alle vittime e familiari.

 

Lo studio legale dell'Avv. Ezio Bonanni offre assistenza legale gratuita in caso di violazione di misure di sicurezza applicando la giurisprudenza amianto. Il contenzioso è enorme: l'INAIL rifiuta il riconoscimento delle rendite alle vittime e la reversibilità ai familiari;

 

l'INPS rifiuta la concessione di prepensionamenti per i lavoratori esposti ad amianto asbesto; i datori di lavoro obbligano le vittime a scendere in campo in sede penale e civile per ottenere i risarcimenti; lo Stato nega il riconoscimento delle prestazioni previdenziali dovute al personale civile e militare delle Forze Armate e del comparto sicurezza per l'equiparazione alle vittime del dovere.

 

L'Avv. Ezio Bonanni ha quindi elaborato una sintesi aggiornata della giurisprudenza (amianto giurisprudenza) consultabile gratuitamente per poter conoscere e tutelare i propri diritti. Per saperne di più: 

Decreto del Ministero della Sanità, 6 settembre 1994

Nel Decreto Ministeriale 06 settembre 1994, che ha ad oggetto "Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6,comma 3, e dell'art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n.257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto", si fa riferimento alle norme relative agli strumenti necessari ai rilevamenti e alle analisi del rivestimento degli edifici, alla pianificazione e alla programmazione delle attività di rimozione e di fissaggio e le procedure da seguire nei diversi processi lavorativi di rimozione, nonché alle normative e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l'amianto. 

 

In particolare, si riporta la tabella relativa ai principali tipi di materiali contenenti asbesto e loro approssimativo potenziale di rilascio delle fibre: 

Decreto Ministeriale 06 settembre 1994: Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6,comma 3, e dell'art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n.257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto.

Eternit - cemento amianto

Il cemento-amianto, detto anche fibrocemento o, più comunemente conosciuto con il nome del prodotto commerciale "Eternit" è un materiale compatto realizzato con una miscela di cemento e fibre di asbesto (sopratutto crisotilo) in quantità pari a circa il 15% del peso.

 

Questo materiale è stato ampiamente utilizzato in edilizia e in più di 3000 applicazioni grazie alle sue proprietà di elevata resistenza alla corrosione e al calore. La presenza di questi manufatti costituisce un rischio per la salute in quanto a causa degli agenti atmosferici, dell'usura e della manipolazione si può verificare l'aerodispersione di fibre nell'aria e/o nel suolo. 

 

La Legge 27 marzo 1992, n. 257 ha vietato la vendita di fibrocemento ed Eternit, ma il suo utilizzo è proseguito sicuramente fino al 1994. Nella maggior parte dei casi, l'uso è comunque proseguito fino alla data di bonifica del sito o per smaltire le rimanenze di magazzino. Fino al 2004, comunque, questi materiali acquistati prima del 1992 potevano essere utilizzati dai relativi proprietari. 

Home > Danni da amianto: risarcimenti, rendite e benefici contributivi > Legislazione e giurisprudenza asbesto