Eventi


Il giorno 24.01.2014, alle ore 17.00

 

in LENTINI (SR)

presso l'Auditorium Istituto Polivalente - Via R. da Lentini

 

l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente Nazionale dell’ONA, e il Sig. Calogero Vicario, parteciperanno al convegno

 

Amianto: un killer silenzioso

dei nostri giorni”, organizzato dal Rotary Club.

 

Amianto Un Killer silenzioso dei nostri giorni

 

Il giorno 25.01.2014, alle ore 15.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di Biancavilla, l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente Nazionale dell’ONA, e il Sig. Calogero Vicario, coordinatore regionale, e l’On.le Pippo Gianni, parlamentare regionale e membro del comitato tecnico scientifico nazionale dell’ONA, presenteranno le iniziative che hanno già assunto e che intenderanno assumere per la tutela della salute pubblica e dell’ambiente dei cittadini di Biancavilla e per il riconoscimento dei loro diritti.

 

Nell’assise si discuterà anche dell’amianto presente negli elicotteri della GdF operativi nella base di Catania e di Palermo, con la partecipazione di numerosi militari della GdF, alcuni dei quali esposti ad amianto e per i quali l’associazione e l’Avv. Ezio Bonanni chiedono il prepensionamento, con i benefici contributivi per esposizione ad amianto.

 

 

L'evento potrà essere seguito in webstreaming sul Notiziario Amianto Ona Onlus e yviitv.com

 

 


Conferenza Regionale Biancavilla
Conferenza Regionale Biancavilla


Conferenza Regionale Amianto Regione Sicilia 15.07.2013

La conferenza Regionale Amianto, organizzata dall’Osservatorio Nazionale Amianto  in collaborazione con  Confeuropa Consumatori,  è patrocinata dal Comune di Priolo Gargallo e costituisce lo strumento attraverso il quale le vittime dell'amianto e i loro familiari, duramente provati per il disinteresse del governo nazionale su queste problematiche, intendono richiamare l'attenzione sulla urgente necessità di adottare strumenti di prevenzione primaria, di diagnosi precoce e di adeguati risarcimenti, oltre che di interdizione delle condotte anche solo pericolose in un contesto nel quale invece le istituzioni regionali, anche grazie all'attività di sensibilizzazione, si mostrano attente a questi problemi.

Nel corso della conferenza, l'On.le Pippo Gianni, componente del Parlamento Regionale e del comitato tecnico scientifico dell'ONA, avrà la possibilità di illustrare e presentare il

  • Disegno di Legge, in materia di amianto, “Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto”

all'attenzione dell'Assemblea Regionale Siciliana e l'occasione della presenza del Presidente Nazionale dell'ONA, Avv. Ezio Bonanni, permetterà la presentazione del

  • Libro, “La storia dell'amianto nel mondo del lavoro"

di cui è autore e che ripercorre la vicenda tragica e drammatica dell'olocausto delle vittime dell'amianto proponendosi come strumento di ausilio per le vittime e di prevenzione per evitare altre sciagure e tragedie, come quelle che purtroppo hanno colpito il popolo siciliano, spesso inteso come colonia delle industrie del Nord Italia.

 

Saranno presenti un gran numero di esperti, e di rappresentanti delle forze sociali e politiche e delle istituzioni della nostra amata Sicilia, che riteniamo abbia nel proprio DNA le energie fisiche e morali per risollevarsi anche contro ogni forma di oppressione che ci deriva da un certo atteggiamento colonialistico e statalistico, di cui la vicenda dell'amianto con la conclamata negazione dei diritti delle vittime è uno dei casi paradigmatici contro i quali si è sempre battuto l'Avv. Ezio Bonanni con il sostegno della intera ONA Regione Sicilia e di tutte le forze sane e genuine della nostra amata isola.

 

L’intera Tramissione verrà trasmessa in diretta streaming su www.zeronove.tv e sul Notiziario sull’amianto Ona Onlus


Amianto tra scienza e diritto

OSSERVATORIO NAZIONALE  SULL’AMIANTO – ONA Onlus

 

Con il patrocinio del Comune e della Provincia di Pisa

 

Convegno giuridico–scientifico che si terrà nella città di Pisa presso l’Aula Magna della Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant’Anna in data 18.07.2013, a partire dalle ore 15.00.

 

Riconoscimento di n. 4 crediti formativi secondo il regolamento per l’aggiornamento professionale approvato dal CNF.

 

 Programma dell’incontro di studioAmianto tra scienza e diritto

 

ORE 15:00        - Registrazione partecipanti ed apertura dei lavori

Presiede: l’Avv. Ezio Bonanni (Presidente nazionale ONA ONLUS).

 - Modera: il Dott. Michele Rucco (Segretario nazionale ONA ONLUS).

 

Relazioni:

 

-          Dott. Michele Rucco (Segretario nazionale ONA Onlus): L’Osservatorio Nazionale Amianto e la sua mission.

-          Dott. Tommaso Frendo (Coordinatore Comitato ONA Pisa): L’esperienza dell’ONA nella città di Pisa quale spunto per una riflessione giuridica.

-          Sig. Massimiliano Posarelli e Sig. Franco Berti: La testimonianza delle vittime.

-          Avv. Ezio Bonanni (Presidente nazionale ONA Onlus): L'evoluzione delle conoscenze scientifiche e delle normative nazionali in materia di amianto.

-          Dott.ssa Ombretta Melaiu (Ricercatrice presso l’Unità di Ricerca di Genetica del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa): Le ultime acquisizioni scientifiche in materia di mesotelioma.

-          Prof. Pietro Sartorelli (Ordinario di Medicina del Lavoro presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Siena): La sorveglianza sanitaria degli ex esposti all’amianto.

-          Dott. Maurizio Ascione (Pubblico Ministero presso la Procura della Repubblica di Milano): Le tecniche investigative del Pubblico Ministero nei casi di malattie asbesto correlate di sospetta origine professionale.

-          Dott. Paolo Pitotto (Medico del Lavoro e Consulente della Procura della Repubblica di Milano): La medicina e la tutela della salute nel rapporto di lavoro.

-          Dott. Paolo Rivella (Commercialista Consulente della Procura della Repubblica di Torino, Milano, Trieste): Le individuazioni dei responsabili civili e penali.

-          Dott.ssa Lorenza Fiumi (Ricercatrice presso il CNR e membro del Comitato Tecnico Scientifico ONA): La mappatura delle coperture in cemento amianto.

ORE 18:00 - Pausa caffè.

-          Avv. John Eaves (Avvocato difensore delle vittime dell’amianto negli U.S.A.):Il risarcimento dei danni da amianto nella giurisprudenza degli Stati Uniti d’America.

-          Avv. Mario Item (Avvocato in Lugano): Il riconoscimento delle sentenze straniere in Svizzera.

-          Avv. David Husmann (Avvocato in Zurigo e difensore delle vittime dell’amianto nel Processo Eternit): L’esecuzione del risarcimento.

-          Avv. Ezio Bonanni: Conclusioni e ringraziamenti.

ORE 19:30        Consegna attestati di partecipazione.


Convegno Gaeta 08.06.2013

Convegno a Gaeta


Assemblea Bari 10.03.2013

Assemblea dell'ONA in Bari per il giorno 10.03.2013 presso la Sede Rifondazione Comunista in Via Fornari, 15.

 

 

Presiede l'Avv. Ezio Bonanni (Presidente Nazionale ONA e Legale Associazione Vittime dell'Amianto)

 

Modera la Prof.ssa Lucia Schinzano (Direttore di Ambienti&Ambienti)

 

Intervengono:

 

Dott. Gianni Avvantaggiato (Giornalista freelance, Redattore Capo di Ambienti&Ambienti, Ufficio Stampa ONA)

 

Avv. Emanuela Sborgia (Avvocato Penalista in Bari, Dirigente Regionale ONA Puglia)

 

Dott. Angelo Lupo (Coordinatore ONA)

 

 

Sig. Chiedi Vincenzo (ONA Puglia)



Assemblea Gela 05.03.2013

Assemblea della ONA ONLUS

 

5 marzo 2013

 

dalle ore 14.30

 

presso il Palazzo Ducale di Gela

 

 

Interverranno, tra gli altri:

 

- l'Avv. Angelo Fasulo

Sindaco di Gela. Comitato Tecnico Scientifico ONA

 

- l'Avv. Ezio Bonanni

(Presidente Nazionale ONA e legale delle vittime dell'amianto)

 

- il Sig. Granvillano Salvatore

 

(Presidente ONA Caltanissetta) 



Assemblee Rosignano - Castelnuovo 01/02/03.03.2013

Venerdì 01.03.2013

Ore 18.45: Assemblea ONA 

Sezione di Rosignano Solvay (LI)

presso il Centro Rodari (Via della Costituzione)

Interviene l'Avv. Ezio Bonanni

 

 

Sabato 02.03.2013

Ore 15.00: Assemblea ONA

Sez. di Castelnuovo Val di Cecina (PI)

presso la Fattoria il Canalino

 

 

 

L'Avv. Bonanni sarà presente ininterrottamente presso la sede ONA di Castelnuovo sabato 02.03.2013 dalle ore 9.00 alle ore 21.00 e domenica 03.03.2013 dalle ore 9.30 alle ore 15.30 al fine di poter ricevere riservatamente ogni singolo associato che ne facesse richiesta.



Assemblea Straordinaria ONA Avellino

AVELLINO

23 FEBBRAIO 2013

 

Dalle ore 11.00 alle ore 13.00 presso il Centro Sociale Samantha Della Porta (Via Silvati e Morelli)

 

Interverranno:

Avv. Ezio Bonanni (Presidente Nazionale ONA e legale delle vittime dell'amianto)

Prof. Renato Sinno (Prof. Università di Napoli in mineralogia e membro del Comitato Tecnico Scientifico ONA)

Dott. Arturo Cianciosi (Medico legale e medico del lavoro e membro del direttivo nazionale ONA)

Virgilio Romano (Coordinatore Nazionale ONA Tutela Assicurativa)

Francesco D'Argenio (Coordinatore Provinciale ONA)

 

 

L'Avv. Ezio Bonanni riceverà riservatamente ogni singolo associato il giorno 22.02.2013 a partire dalle ore 17.30 presso il centro sociale Samantha Della Porta



Assemblea O.N.A. Castelnuovo Val di Cecina 09.02.2013

Castelnuovo Val di Cecina

Il giorno 09.02.2013 alle ore 15.00 presso la Fattoria il Canalino è indetta l’assemblea dell’O.N.A., alla quale parteciperà il coordinatore locale Sig. Claudio Ulivelli e il Sig. Franco Berti, oltre all’Avv. Ezio Bonanni.

Saranno presenti il Prof. Pietro Sartorelli, medico del lavoro, direttore dell’Unità Operativa di medicina del lavoro dell’Università di Siena, e il Dott. Riccardo Romeo, medico del lavoro, dell’Unità Operativa di medicina del lavoro dell’Università di Siena, ai quali i lavoratori potranno rivolgersi per quanto fosse loro necessario a titolo di sorveglianza sanitaria e per eventuali successivi controlli presso il Policlinico, se e quando ritenuti necessari dal medico curante di intesa con i sanitari Prof. Sartorelli e Dott. Romeo.

 Fin dalla mattina della domenica, l’Avv. Ezio Bonanni si troverà in sede, presso la Fattoria Il Canalino, e tutti coloro che sono interessati potranno fissare un appuntamento con lui scrivendogli all’e-mail avveziobonanni@gmail.com, ad iniziare dalle ore 17.30 del sabato, fino alle ore 19.30, e dalle ore 10.30 della domenica mattina, con orari da concordare. 

 



Convegno Campagna Lupia (VE) - 18.10.2012

Convegno Campagna Lupia (VE) - 18.10.2012

Conferenza ONA ONLUS -

 

Regione Veneto

 

Sala del Centro Civico

 

Via della Repubblica 34

 

18 ottobre 2012

 

dalle ore 16.00 a seguire

 

 - Campagna Lupia - VENEZIA -


Convegno Trento - 12.10.2012

Amianto Trento

Assemblea della ONA ONLUS -

 

Regione Trentino Sudtirol

 

in collaborazione con il gruppo consiliare Lega Nord Trentino Sudtirol

 

Palazzo della Regione

 

Sala di Rappresentanza

 

12 ottobre 2012

 

dalle ore 15.00 a seguire

 

 

- TRENTO -


Convegno San Felice Circeo (LT) - 09.07.2012

Convegno

 

"Leucemie: donazioni di sangue per la cura.

Lotta all'amianto e al nucleare per la prevenzione"

 

9 luglio 2012

 

dalle ore 18.00

 

Istituto Comprensivo "Leonardo Da Vinci"

Via Gino Rossi, 4

 

- SAN FELICE CIRCEO (LT) -

 

 

 



Convegno Salerno - 19.05.2012

ONA Salerno

Convegno ONA ONLUS

 

 

"Quale giustizia per le vittime dell'amianto?"

 

 

19 maggio 2012

 

dalle ore 9.30 

 

Palazzo di Città

Salone dei Marmi

 

 

 

  - SALERNO -



Assemblea Portalbera - 15.04.2012

Conferenza ONA ONLUS

Regione Lombardia

 

 

"Problema amianto"

 

 

15 aprile 2012

 

dalle ore 17.30 

 

Sede Proloco

Via Castello, 1

 

 

 - PORTALBERA -

 

 



Conferenza Mira (VE) - 16.04.2012

Conferenza ONA ONLUS

 

 

"Problema amianto"

 

 

16 aprile 2012

 

dalle ore 16.00 

 

Teatro Villa dei Leoni

Riviera Silvio Trentin, 3

 

 

 

MIRA (VE)



Assemblea Mira (VE) - 16.04.2012

Assemblea

 

 

"Investigazioni difensive in materia di amianto"

 

 

16 aprile 2012

 

dalle ore 20.30 

 

Teatro Villa dei Leoni

Riviera Silvio Trentin, 3

 

 

 

MIRA (VE)



Assemblea Castelnuovo Val di Cecina - 28.03.2012

Assemblea ONA ONLUS

 

"Problema amianto:

Assemblea informatica sugli sviluppi della giurisprudenza"

 

 

28 marzo 2012

 

dalle ore 17.00 

 

Sala "La Pista" - Giardini Pubblici

 

 

CASTELNUOVO VAL DI CECINA

 

  



Assemblea Rosignano Solvay - 29.03.2012

Assemblea ONA ONLUS

 

"Problema amianto:

Assemblea informativa sugli sviluppi della giurisprudenza"

 

 

29 marzo 2012

 

dalle ore 16.00 

 

Circolo ARCI Le Pescine

Via Enrico Fermi, n. 15

 

 ROSIGNANO SOLVAY (LI)



Convegno Brindisi - 24.03.2012

 Convegno

ONA ONLUS

 

"Problema amianto:

dalle difficoltà ad ottenere i benefici previdenziali

alla necessaria tutela di lavoratori e cittadini"

 

24 marzo 2012

dalle ore 17.00

 

 

Sala Convegni Museo Provinciale F. Ribezzo

Sede ONA

Piazza Duomo n. 7

 

 

BRINDISI



Convegno Bari - 24.03.2012

Convegno

ONA ONLUS

 

 

"Amianto: un killer da sconfiggere"

 

24 marzo 2012

ore 10.00

 

 

Sala Consiliare del Comune di Bari

Corso Vittorio Emanuele, 84 

 

BARI

 

  



Assemblea Regionale Napoli - 17.03.2012

Assemblea Regionale

ONA ONLUS

 

 

"Amianto: un killer da sconfiggere"

 

17 marzo 2012

 

 

 

Sede ONA

Corso Umberto II, 23 

 

NAPOLI

 

 

 



Ragusa - Conferenza "L'amianto" un pericolo mortale sconosciuto - 25.02.2012

 

Conferenza Nazionale

 

"L'amianto"

 

Un pericolo mortale sconosciuto

 

25 febbraio 2012

 

ore 9.30

 

Via Magna Grecia

 

 

- RAGUSA -


Download
Scarica la locandina
LAMIANTO.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.9 MB
Download
Invito
invito_a_2_ante.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

Convegno Napoli 16.02.2012 (L’impegno civile e professionale per la legalità del territorio e per lo sviluppo della Green Economy)

Il giorno 16.02.2012 dalle ore 15.00 a seguire in Napoli, Sala Conferenze dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (Piazza dei Martiri n. 30 - Napoli), nel convegno da loro organizzato ‘L’impegno civile e professionale per la legalità del territorio e per lo sviluppo della Green Economy’ con l’Avv. Ezio Bonanni interverrà il Dott. Gianfranco Amendola, Procuratore della Repubblica di Civitavecchia; il Dott. Donato Ceglie, Sostituto Procuratore Generale della Repubblica di Napoli; Don Luigi Ciotti, Presidente Associazione Libera; il Dott. Aldo De Chiara, Procuratore Aggiunto della Repubblica di Napoli; il Dott. Raffaele Guariniello, Coordinatore Sostituto Procuratore Generale della Repubblica di Torino; il Dott. Raffaello Magi, Presidente Misure di Prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere; il Dott. Raffaele Piccirillo, G.I.P. presso il Tribunale di Napoli; oltre alla Dott.ssa Stefania Divertito.

Download
Scarica la brochure dell'evento
Locandina Convegno Napoli 16.02.2012.pdf
Documento Adobe Acrobat 271.3 KB

Manifestazione Torino 13.02.2012

 

 

Manifestazione

 

"Storia criminale e strage di Stato.

Inizio della resa dei conti"

 

 

13 febbraio 2012

 

 

Corso Vittorio Emanuele II, 130

(Piazzale antistante il Tribunale)

 

- TORINO -

 


Assemblea Avellino - 28.01.2012

 

Assemblea

ONA ONLUS

 

"Ex Isochimica: contabilità dei morti e degli ammalati tra

i lavoratori e i cittadini nel disinteresse delle Istituzioni"

 

28 gennaio 2012

ore 15.30

 

Centro sociale SAMANTHA della Porta di Avellino

Via Silvati e Morelli 

 

AVELLINO

 


Assemblea Milano - 14.01.2012

 

Convegno

Questione amianto in ATM

L'asbestosi è l'AIDS della Metropolitana

e degli altri luoghi di lavoro

 

14 gennaio 2012

 

Ore 15.00

 

MILANO

 

Novotel - Milano Nord - Cà Granda

Viale Suzzani, 13

 


Assemblea Milano Linate - 14.01.2012

 

Assemblea

ONA ONLUS

 

"L'amianto in aviazione civile"

 

14 gennaio 2012

 

Ore 10.00

 

Aeroporto MILANO LINATE

 

Sala riunioni palazzina compagnie aeree

Viale E. Forlanini

 


Assemblea Carbonia - 07.01.2012

 

Assemblea Generale e Pubblica

ONA ONLUS

 

"Amianto: un killer da sconfiggere"

 

7 gennaio 2012

 

Ore 9.30

 

CARBONIA

Sala della Provincia di Carbonia-Iglesias

Viale Mazzini 39

 


Presentazione Libro "Toghe Verdi" - 10.12.2011

Toghe Verdi

Presentazione libro "Toghe verdi"

della Dott.ssa Stefania Divertito

 

Roma

 

10 dicembre 2011

 

Fiera del libro 

Più libri più liberi

 

Palazzo dei Congressi

 

Ore 18.00

 



Assemblea Gela 03.12.2011

Assemblea Amianto Gela

Assemblea Generale e Pubblica

ONA ONLUS

 

"Amianto: killer per l'uomo e per l'ambiente"

 

3 dicembre 2011

dalle ore 9.00

 

Ore 16.00

Inaugurazione presso sede ONA

presso Palazzo Guttilla, Corso Vittorio Emanuele II

 

Ore 17.00

Assemblea Generale e Pubblica

presso il Palazzo Ducale di Gela



Assemblea Enna - 04.12.2011

Assemblea Enna Amianto

Assemblea ONA ONLUS

 

"Amianto: punire i colpevoli e risarcire le vittime"

 

4 dicembre 2011

 

Ore 10.00

 

Presso Liceo Linguistico "A. Lincoln"

Via S. Ingrà, n. 4 

- ENNA -



Assemblea Provinciale - Avellino 05.12.2011

Assemblea Avellino

 

Assemblea Provinciale e Manifestazione

ONA ONLUS

 

"Amianto:morti dimenticati e ingiustizia antica"

 

5 dicembre 2011

dalle ore 9.00

 

Centro sociale SAMANTHA della Porta di Avellino

Via Silvati e Morelli 

AVELLINO

 


Tavola rotonda "Patologie amianto-correlate. Dalla prevenzione alla valutazione medico-legale" - Avellino 05.12.2011

PALAZZO DELLA PROVINCIASALA GRASSO

PIAZZA LIBERTA’

h. 9.00 - 13.30

 

M O D E R A T O R I

Prof. Francesco Burlin

Primario Medico Legale Sedi INAIL Avellino,Benevento e Caserta

Dott. Ettore De Socio

Direttore Sede INAIL Avellino

 

PRENDONO PARTE ALL’INCONTRO CONINTERVENTI

ED OPINIONI A CONFRONTO:

Dott. Emidio Silenzi

Direttore Regionale INAIL Campania

Sen. Enzo De Luca

Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle cosiddette "morti bianche"

Sen. Cosimo Sibilia

Presidente della Provincia di Avellino

Dott. Giuseppe Galasso

 Sindaco di Avellino

Dott. Angelo Di Popolo

Procuratore della Repubblica di Avellino

Dott. Massimo Amodio

Presidente del Tribunale di Avellino

Ing. Sergio Florio

Direttore Generale ASL Avellino

 

RELAZIONI INTRODUTTIVE

Prof. Pietro Sartorelli

Ordinario di Medicina del Lavoro Università di Siena“Clinica e Prevenzione delle Patologie Amianto - Correlate”

Dott. Pasquale Di Palma

Dirigente Medico INAIL Responsabile Settore Malattie Professionali SMR Campania“Valutazione Medico Legale delle Patologie Amianto - Correlate”

Avv. Ezio Bonanni

 Presidente Osservatorio Nazionale Amianto Onlus Roma

Avv. Guido D’Avanzo

Avvocatura INAIL Avellino

Prof. Pietro Gaetano Iacoviello

Sovrintendente Medico Regionale INAIL Campania

Dott. Raffaele D’Angelo

Coordinatore Regionale Contarp INAIL Campania

Dott. Luigi Borea

Responsabile U.O. Amianto ASL Avellino

Prof. Umberto Carbone

Associato di Medicina del Lavoro Università Federico II di Napoli – Vice Presidente SIMLII Campania

 

Download
Brochure della Tavola rotonda
Tavola_rotonda_Amianto_(Brochure) AVELLI
Documento Adobe Acrobat 456.6 KB

Conferenza Programmatica Provinciale Amianto - Cavriglia 08.10.2011

Assemblea Cavriglia

Assemblea Programmatica Provinciale

ONA ONLUS

 

"Amianto: ieri, oggi e domani, dalla diagnosi delle malattie asbesto correlate al risarcimento dei danni"

 

8 ottobre 2011

dalle ore 18.00 alle ore 20.00

 

Circolo Arci di Castelnuovo dei Sabbioni

Sala conferenze “Silvano Poggi”

Via XXV Aprile 6 

loc. Castelnuovo dei Sabbioni

Cavriglia (AR)

 

Download
Invito
Inviti Cavriglia bis.jpg
Formato JPG 893.5 KB
Partito Democratico

Amianto killer: l’osservatorio nazionale anche in provincia di Arezzo

Sabato 8 ottobre, alle 18.00, prima iniziativa al Circolo Arci di Castelnuovo dei Sabbioni (Cavriglia)

 

Firenze 06.10.11 - La presenza delle pericolose particelle di amianto, soprattutto nei luoghi di lavoro, rappresenta un problema che riguarda molte persone in Provincia di Arezzo e nel Valdarno, dove la presenza di realtà come le miniere di lignite, la centrale elettrica, la ferriera Italsider e altre realtà lavorative con esposizione all’amianto rendono particolarmente importante il dibattito e le iniziative per la lotta ai gravi danni alla salute che essa può causare.

Per questo l’Osservatorio Nazionale Amianto, che ha come scopo l’assistenza, la tutela e il risarcimento delle persone esposte all’amianto e la prevenzione delle malattie correlate, ha deciso di avviare la propria attività anche in Provincia di Arezzo, con un primo appuntamento in programma per sabato 8 ottobre (ore 18,00) presso il Circolo Arci di Castelnuovo dei Sabbioni (via XXV Aprile, 6), al quale interverranno il sindaco di Cavriglia Ivano Ferri, il consigliere regionale Enzo Brogi e il consigliere provinciale Armando Vannini.

A coordinare la discussione sarà l'avvocato Ezio Bonanni, presidente dell’O.N.A. (Osservatorio Nazionale Amianto) e legale delle associazioni dei lavoratori e delle vittime dell’amianto, che sarà affiancato dagli interventi del professor Pietro Sartorelli, direttore della Medicina del Lavoro dell’Università di Siena e alcuni rappresentanti della organizzazioni sindacali.  

 

Il consigliere regionale Enzo Brogi (Pd), che si è impegnato nell’organizzazione dell’iniziativa, ha dichiarato: “E’ necessario dare delle risposte a chi ha contratto o rischia di contrarre gravi patologie, molto spesso a causa dell’insicurezza dei luoghi di lavoro ed è importante che l’Osservatorio Nazionale Amianto sia attivo anche sul nostro territorio, dove cercheremo di lavorare in sinergia con la medicina del lavoro e le organizzazioni sindacali nella battaglia contro i danni dell’amianto”.

 

L’incontro, intitolato “Amianto: ieri, oggi e domani, dalla diagnosi delle malattie asbesto correlate al risarcimento dei danni”, costituisce pertanto un’importante occasione per la conoscenza del fenomeno, per la tutela dei lavoratori e delle loro famiglie e anche per tutti coloro che per motivi non professionali sono rimasti esposti all’amianto. Si tratta, inoltre, di un momento di programmazione per le azioni che l’O.N.A. vuole intraprendere in Provincia di Arezzo e dell’inizio di un percorso preparatorio per un convegno internazionale sul tema che si terrà a Firenze nella prossima primavera.   

 

Ciro Becchimanzi                             

                              

ufficio stampa e comunicazione gruppo Partito Democratico

Consiglio Regionale dellaToscana

Tel. 055.2387567

Cell.339.4536786

www.gruppopdtoscana.it

 

Articoli della stampa locale

Download
Corriere di Arezzo_07.10.2011.PDF.pdf
Documento Adobe Acrobat 74.6 KB
Download
Il Nuovo Corriere Aretino_07.10.2011.PDF
Documento Adobe Acrobat 694.6 KB
Download
La Nazione Arezzo_07.10.2011.PDF.pdf
Documento Adobe Acrobat 100.0 KB

Conferenza Programmatica Amianto Siracusa - 02.10.2011

Conferenza Amianto Siracusa

 

2 ottobre 2011

 

Ore 9.00

 

Conferenza Programmatica Amianto

 

"Patologie asbesto correlate benefici contributivi per esposizione all'amianto. Sviluppi della proposta di legge 'Gianni'. Fondo vittime dell'amianto"

 

Via Malta, 106

SIRACUSA

 

Download
Volantino dell'evento
Volantino Siracusa 2 ott 2011.jpg
Formato JPG 1.9 MB

Assemblea Gela (CL) - 01.10.2011

Assemblea Gela Amianto

 

 

1 ottobre 2011

 

Ore 9.00 - 13.00

 

Assemblea Osservatorio 

Nazionale Amianto ONLUS

 

presso il Palazzo Ducale

di GELA (CL)

 

Download
Comunicato ONA Assemblea Gela
Comunicato Gela 29.09.2011.pdf
Documento Adobe Acrobat 38.0 KB

Assemblea Rosignano Solvay (LI) - 03.09.2011

Assemblea Rosignano

 

 

3 settembre 2011

 

Ore 10.00

Rosignano Solvay (LI)

presso Sede ONA

Centro Rodari - Via della Costituzione

 

Assemblea Osservatorio 

Nazionale Amianto ONLUS:

"Le patologie asbesto correlate nella provincia di Livorno e le azioni legali dell'ONA"

 


Assemblea Castelnuovo Val di Cecina (PI) - 03.09.2011

ASSEMBLEA Castelnuovo Val di Cecina

3 settembre 2011

 

Ore 17.00

Castelnuovo Val di Cecina (PI)

presso Sede ONA

(Fattoria Il Casalino)

 

 

Assemblea Osservatorio

Nazionale Amianto ONLUS

"Prevenzione, terapia e cura delle patologie asbesto correlate e risarcimento dei danni" 

 


Processo Eternit Bis Torino, rigettate le richieste di Stephan Schmidheiny

E' stata scritta un'altra pagina del processo Eternit Bis, uno dei giudizi italiani al quale è stata dedicata maggiore attenzione negli ultimi anni.

L'imputato Stephan Schmidheiny è stato sottoposto a procedimento penale per il reato di omicidio colposo, con colpa cosciente. 

Sono molte le famiglie che pretendono giustizia, per aver perso i propri cari per mezzo della superficialità di chi ha sempre messo al primo posto il lavoro e soprattutto il profitto.

Un profitto che portava con se l'odore acre della morte, l'odore acre dell'amianto.

La famiglia del Sig. Giulio Testore, dipendente Eternit Cavagnolo (il troncone di Eternit bis che è rimasto a Torino), è assistita e difesa dall’Avv. Ezio Bonanni che ha formalizzato la costituzione di parte civile. 

La difesa di Stephan Schmidheiny ha chiesto di rigettare la domanda di Costituzione di parte civile dei famigliari di Giulio Testore e di estromettere l’ONA che si era già costituita parte civile. 

Il Tribunale di Torino cui è rimasto uno dei tronconi del processo Eternit Bis, dopo lo spacchettamento deciso dal GUP di Torino, ha rigettato le richieste di Stephan Schmidheiny. 

Questi sono risultati importantissimi raggiunti dall'Osservatorio Nazionale Amianto e dal Presidente dell'associazione, l'Avv. Ezio Bonanni, che da anni si schiera dalla parte di coloro che hanno avuto la malaugurata sorte di imbattersi nelle problematiche amianto.

I famigliari di Giulio Testore avevano già ricevuto in precedenza una sorta di indennizzo. Nell’atto era scritto che avrebbero rinunciato a qualsiasi azione contro Eternit. L’Avv. Ezio Bonanni,  ha invece affermato il principio dell’inapplicabilità di tale rinuncia nei confronti dell’attuale imputato, che non era parte di quell’accordo. 

 

“E’ una decisione molto importante, quella oggi assunta dal Tribunale di Torino. Astutamente Stephan Schmidheiny ha fatto indennizzare con pochi spiccioli centinaia di vittime, a Torino come a Siracusa e anche a Napoli. Con tali accordi, Stephan Schmidheiny pensava di aver chiuso il conto. Non è così. Gli atti di transazione fatti sottoscrivere con il versamento di un’esigua somma, non possono valere nel processo penale e comunque non possono far venire meno il diritto all’integrale risarcimento dei danni”

 

- dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, legale della famiglia di Giulio Testore.

Il processo è stato aggiornato all’udienza del 26.04.2018, fino ad allora resteremo in attesa sperando che la giustizia trionfi.

3 Commenti

Strage di militari per uranio impoverito, interviene l'ONA

L'ONA interviene sugli ultimi aggiornamenti sulla Relazione finale della Commissione Uranio Impoverito

L’Avv. Ezio Bonanni aveva ragione quando, nel corso della sua audizione alla commissione uranio impoverito (06.12.2017), aveva insistito perché si facesse piena luce sull’effettiva incidenza di patologie asbesto correlate e legate all’esposizione all’uranio impoverito e altri agenti patogeni e cancerogeni cui il personale civile e miltaire delle Forze Armate era ed è esposto per motivi di servizio.

Ecco perché allora come oggi la parola d’ordine è quella della prevenzione primaria, che si realizza con l’immediata e totale bonifica, per evitare le esposizioni ad amianto / asbesto e ad altri agenti patogeni e cancerogeni del personale civile e militare delle Forze Armate.

L’Avv. Ezio Bonanni torna a contestare i dati epidemiologici delle Forze Armate.

E’ sufficiente rilevare che l’osservatorio epidemiologico riporta 126 casi di mesotelioma mentre, come riferito nel corso dell'audizione, RIPORTARE NEL QUADRETTO LE MIE DICHIARAZIONI ALLA COMMISSIONE D’INCHIESTA pubblicando di nuovo il video, solo per mesotelioma pleurico tra i militari della Marina sono stati riscontrati 570 casi e i decessi nelle Forze Armate non sono inferiori a 2.000 per le sole patologie asbesto correlate e ora che la commissione ha steso la sua relazione finale, sono stati censiti almeno 1.101 casi nella sola Marina Militare.

In quella sede, l’Avv. Ezio Bonanni, nel corso della sua audizione, aveva stigmatizzato la estrema lentezza della macchina burocratico-amministrativa nell’istruttoria delle domande di riconoscimento di causa di servizio e di vittima del dovere, e il fatto che la sorveglianza sanitaria fosse ancora incompleta, anche alla luce dell’alta incidenza di patologie asbesto correlate.

Le conclusioni riportate nella relazione del 19.07.2017 della Commissione ‘Uranio Impoverito’ erano state quindi condivise, ed era stato apprezzato anche l’impegno dell’On.le Paola Boldrini, vicepresidente della Commissione d’Inchiesta ‘Uranio Impoverito’.

Le conclusioni della Commissione Parlamentare di Inchiesta sull’uranio impoverito diffuse il 07.02.2018 gettano un’ombra ancora più funesta sulle condizioni di rischio dei nostri militari, in missione come in patria, in relazione alla presenza di esposizoine a diversi agenti cancerogeni, tra i quali:

·  amianto (cfr. IARC, Volume) ‘Asbestos (Chrysotile, amosite, crocidolite, tremolite, actinolite, and anthophyllite)’;

·  tricloroetilene, tetracloroetilene ad altri agenti clorurati (cfr. IARC, Volume 106 del 2014: Trichloroethylene, Tetrachloroethylene and Some Othere Chlorinated Agents);

·  fumi di scarico di motori endotermici funzionanti a gasolio e a benzine (cfr. IARC, Volume 105 del 2013: Diesel and Gasoline Engine Axausts and Some Nitroarenes);

·  campi elettromagnetici generati da apparecchiature di telecomunicazione, radars, sistemi di mira, motori elettrici, correnti elettriche sempre e comunque presenti e attive in mezzi corazziati, blindati, ruotati (cfr. IARC, Volume 102 del 2013: Non Ionizing Radiation, Part. 2: Radiofrequency Electromagnetic Fields);

·  radiazioni ionizzanti almeno emesse da “trizio” e da uranio impoverito almeno presente in siti contaminati da eventi bellici all’estero (cfr. IARC, volume 100 D del 2012: Radiation);

·  piombo e suoi composti organici ed inorganici (cfr. IARC, volume 77 del 2006: Inorganic and Organic Lead Compounds);

·  idrocarburi policiclici aromatici (IPA) (cfr. IARC, Volume 107 del 2015: Polichlorinated Biphenils and Polybrominated Biphenyls).

·  Idrocarburi aromatici non policiclici (cfr. IARC, Volume 92 del 2010: Some Non-heterocyclic Policyclic Aromatic Hydrocarbons and Some Related Exposures);

·  benzene (cfr. IARC, Volume 100 F del 2012: Chemical Agents and Related occupations);

·  fibre artificiali isolanti (fibre di vetro, di roccia, di ceramica, ecc) (cfr. IARC, Volume 81 del 2001: Man-made Vitreous Fibres (MMVF)).

·  I missili al torio e i poligoni (si legge nella relazione della Commissione di Inchiesta Parlamentare) come per il caso del poligono di Salto di Quirra in provincia di Nuoro (lancio di 1187 missili ‘Milan’ con sistema di puntamento al torio).

Nella relazione finale la commissione parlamentare che ha indagato sull’uranio impoverito e sull’amianto, ha concluso che solo per l’esposizione ad asbesto sono deceduti o si sono ammalati 1.101 militari nella sola Marina Militare.

Va giù pesante la commissione parlamentare d’inchiesta, e le Forze Armate replicano alle accuse di “negazionismo” e alla “strategia di sistematica sottostima”, negando che ci sia stata tale incidenza di decessi tra gli appartenenti alle Forze Armate.

Ci vogliono vedere chiaro sia l’Avv. Ezio Bonanni che l’Osservatorio Nazionale Amianto, che si costituiranno parte civile nell’eventuale procedimento penale che verrà eventualmente istruito dalla procura di Roma nella quale l’On.le Giampiero Scanu (PD) ha inoltrato gli atti e in particolare un documento di 248 pagine.

Nel frattempo l’impegno dell’Osservatorio Nazionale Amianto prosegue sia in sede penale che in sede civile che di fronte alla Magistratura del lavoro nei molteplici procedimenti in corso, finalizzati a ottenere la tutela delle vittime dell'amianto e dell’uranio impoverito, che hanno contratto patologie per motivi di servizio nei loro impieghi in missioni in Italia e all’estero.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha istituito il servizio di assistenza medica, cui si può accedere attraverso la sezione del sito istituzionale (https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-medica/) e di assistenza legale (https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/), e con una particolare attenzione al riconoscimento di vittima del dovere (https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/riconoscimento-di-vittima-del-dovere/) e anche con attenzione alla problematica uranio impoverito (https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/tutela-personale-civile-e-militare-esposto-all-uranio-impoverito/). 

 

 

0 Commenti

Emergenza amianto in Sicilia: l'Avv. Ezio Bonanni si mobilita

 

Appuntamenti Workshop Sicilia:

·       Sabato 3 febbraio, ore 15.30, Priolo Gargallo (SR) Aula Consiliare

·       Domenica 4 febbraio, ore 9.30, Campofelice di Roccella (PA), Sala Consiliare

·       Domenica 4 febbraio, ore 14.00, Palermo “Assemblea lavoratori esposti e vittime amianto”, Via Terra Santa n. 6, Palermo

 

«È una strage annunciata, prevedibile ed evitabile: infatti, quando le imprese del nord hanno impiantato tutte le attività più dannose per la salute e per l’ambiente proprio in Sicilia, mi riferisco al petrolchimico di Gela e a tutti gli altri impianti di Priolo Gargallo e di Augusta qui anche con la base della Marina Militare con il suo carico di amianto nelle unità navali, era evidente che ci sarebbe stata un’epidemia di mesoteliomi, di cancri polmonari, di asbestosi e di altre patologie legate all’esposizione ad amianto, eppure i lavoratori della Sicilia sono i più discriminati, abbandonati e dimenticati.

Il solo Registro Mesoteliomi nel periodo dal 1998 al 2014 ha censito circa 1286 casi e tenendo conto che negli ultimi anni abbiamo una media di circa 100 nuovi mesoteliomi e che i decessi per cancro polmonare da amianto sono almeno il doppio, anche a voler sorvolare su tutte le altre patologie la stima dei 5.000 decessi formulata dall’ONA Sicilia è una sottostima e poi si deve tener conto degli altri cancerogeni» dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che ha affrontato il problema amianto in Sicilia insieme a Calogero Vicario, Coordinatore ONA Sicilia e all’On.le Pippo Gianni, componente del Comitato tecnico Scientifico. 

 

 

0 Commenti

Amianto sotto traccia: lo Stato ha continuato ad importarlo fino al 2011.

Nel 1992 l'Italia ha messo al bando la lavorazione, l'importazione e la commercializzazione di amianto. A distanza di anni abbiamo scoperto però che non tutti rispettano questo divieto. Un documento del Governo indiano ha, infatti, indicato l'Italia come il primo importatore di amianto. Secondo dati ufficiali, abbiamo continuato a comprare e vendere eternit fino allo scorso anno. Abbiamo anche scoperto che c’è ancora chi nel nostro Paese lo ha usato forse anche dopo che era stato bandito. 

Il tutto è venuto alla luce grazie all'Avv. Ezio Bonanni che ne ha parlato a Report (puntata 07.06.2015)

Per rivedere la puntata clicca qui

0 Commenti

Pensione immediata vittime amianto: forse ci siamo


Le pensioni di inabilità sono prestazioni previdenziali riconosciute ai lavoratori nel caso in cui sorga un’assoluta e permanente incapacità a svolgere una qualsiasi attività lavorativa. Può essere richiesta sia dai lavoratori dipendenti e sia dai lavoratori autonomi. Possono esercitare tale diritto in presenza dei presupposti di legge, anche gli iscritti alla Gestione Separata.

Il diritto  alla pensione di inabilità per i soggetti affetti da alcune malattie connesse all'esposizione lavorativa all'amianto è riconosciuto anche per i casi in cui manchi il presupposto dell'inabilità assoluta.

La prestazione è reversibile cioè assicurata anche agli eredi dell'avente diritto.

I fondi a disposizione per  questa prestazione sono pero limitati a 30 milioni di euro annui.

 

PENSIONE DI INABILITA’, REQUISITI E DOMANDA

 

Oltre all’impossibilità di svolgere un’attività lavorativa, sono necessari almeno cinque anni di contributi versati dal richiedente. E’ poi richiesta la cessazione dell’attività lavorativa o la cancellazione dagli albi professionisti nel caso di lavoratori autonomi.

La presentazione della domanda, invece, può avvenire online e con allegata la certificazione medica pertinente a dimostrare l’assoluta e permanente incapacità del lavoratore allo svolgimento di una attività lavorativa.

Per la pensione inabilità, sono poi state di recente introdotte delle nuove patologie a seguito dell’esposizione all’amianto. Quest’ultime, danno diritto a tale prestazione anche nel caso in cui l’incapacità lavorativa sia solo parziale.

 

PENSIONE DI INABILITA’ PER ESPOSIZIONE AMIANTO, CIRCOLARE INPS

Il documento INPS-INAIL elenca le specifiche malattie per le quali viene riconosciuta la pensione, che sono UNICAMENTE:

·        mesotelioma pleurico (c45.0),

·        mesotelioma pericardico (c45.2),

·        mesotelioma peritoneale (c45.1),

·        mesotelioma della tunica vaginale del testicolo (c45.7),

·        carcinoma polmonare (c34)

·        asbestosi (j61).

E' necessario  che tali patologie siano riconosciute di origine professionale ovvero come causa di servizio e siano presenti nel momento della domanda.

La certificazione può essere rilasciata dall’INAIL o anche da altre amministrazioni  quali il Comitato di verifica per le cause di servizio di cui all’articolo 10 del D.P.R. n. 461/01 istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il  Comitato tecnico per le pensioni privilegiate di cui all’articolo 12 della legge n. 274/91). 


LA DOMANDA DI PENSIONE PER INABILITA' DA AMIANTO 

E' possibile inviare contemporaneamente l'istanza di riconoscimento dei requisiti e la domanda di pensione. Il termine per l'invio è il 31 marzo 2018.

L’INPS, definisce le modalità di presentazione delle domande per la pensione inabilità per esposizione da amianto che potranno essere presentate telematicamente mediante 3 importantissime opzioni, quali:

·        Domanda online tramite accesso diretto al sito del Pin e muniti di un Pin personale.

·        Domanda online tramite contact center.

·        Supporto di intermediari autorizzati per la presentazione della domanda online.

 

Le domande saranno accolte sulla base dei seguenti indicatori:

·        maggiore vicinanza all'età per la pensione di vecchiaia

·        maggiore importo dei contributi versati 

·        in caso di parità,  anche  sulla base della data di presentazione della domanda 

La pensione viene erogata dal mese successivo al momento di riconoscimento dei requisiti, o per gli iscritti alla gestione esclusiva, dal giorno successivo alla cessazione del lavoro.

La circolare infine elenca i casi di possibile cumulabilità della pensione di inabilità per esposizione all'amianto, con altre prestazioni assistenziali e pensioni INAIL e le modalità di erogazione delle indennità di fine servizio. 

 

 

0 Commenti

Danni amianto. Tutto quello che c'è da sapere sul killer del secolo


Come avvocato e come presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto continuerà a difendere le vittime dell'amianto. Proprio a loro mi sono dedicato negli ultimi 20 anni di attività. Ho difeso migliaia di vittime presso tutte le Magistrature. 

L'esposizione ad amianto può provocare mesotelioma, tumori polmonari, alla laringe, faringe, esofago, fegato, colon e perfino all’ovaio e per non parlare dell’asbestosi, placche pleuriche ed ispessimenti pleurici e le complicazioni cardio-vascolari.

L’amianto è presente ovunque, dagli edifici pubblici a quelli privati, dagli ospedali alle tubature degli acquedotti, ma soprattutto ad oggi sono ancora 2400 le scuole che pongono a rischio circa 350.000 studenti e 50.000 dipendenti, tra docenti e non docenti. In Italia sono oltre 6000, e 107.000 nel mondo, i decessi per via delle diverse patologie che l’amianto provoca.

Se hai subito danni da amianto scopri come fare per richiedere assistenza medica e legale,  il risarcimento dei danni, il prepensionamento e i benefici contributivi consultando la pagina https://www.eziobonanni.com/danni-da-amianto-risarcimenti-rendite-e-benefici-contributivi/ oppure chiamando gratuitamente il numero verde 800 034 294.

0 Commenti

Sicilia: il problema amianto va ben oltre i serbatoi dell’acqua

Allarme amianto”, è questo il commento dell’Avv Ezio Bonanni al contenuto dell’interrogazione dell’Europarlamentare Ignazio Corrao, nella quale si legge “In Sicilia, a Gela, nonostante le risorse, anche europee, spese e programmate per garantire acqua potabile e pressione minima, i cittadini sono ancora costretti a dotarsi di serbatoi di plastica non idonei per l’uso alimentare, o peggio ancora di cemento-amianto, e di un sistema a energia elettrica automatico, utilizzato per elevare la pressione nelle tubature degli impianti idraulici”.

Che ci sia un rischio amianto legato alle vecchie tubature e ai vecchi cassoni in cemento amianto è notizia antica e tuttavia molto più pesante è il rischio lavorativo dove Gela è tristemente nota per il Petrolchimico, presso il quale sono stati utilizzati tutti i tipi di amianto con esposizioni a carico di migliaia e migliaia di lavoratori.

Molti i traguardi raggiunti grazie all’impegno dell’Osservatorio Nazionale Amianto, dalle movimentazioni, alla Legge 10/2014, anche se non ancora del tutto attuata, fino all’incontro con l’On.le Davide Faraone, sottosegretario al Ministero della Salute e luogotenente di Renzi in Sicilia.

“L’Osservatorio Nazionale Amianto continua ad essere nella trincea ed equidistante da tutti i partiti e gruppi politici. Tiene la barra dritta verso la stella polare della tutela dell’ambiente e della salute, specialmente in Sicilia, terra nella quale l’amianto ha fatto più vittime della mafia; solo che lo stato è cieco, sordo e muto e ciò è inaccettabile. L’ONA Sicilia guida il riscatto di una terra nobile e antica e dei suoi ancora più nobili abitanti”, conclude l’Avv. Ezio Bonanni, presidente ONA, che nel weekend del 3 e 4 febbraio sarà in Sicilia per presenziare ad una serie di convegni sulla pericolosità dell’amianto.

0 Commenti

Lo Stato pugnala i familiari delle vittime del dovere che hanno dato la vita per tutta la collettività.

Legge di Bilancio 2018: ignorati i diritti delle vittime del dovere. I contenziosi sono destinati a proseguire per il comportamento ostracistico del Ministero della difesa (nonostante le sentenze di condanna delle SS.UU. e della Corte di Cassazione).

Lo Stato pugnala i familiari delle vittime del dovere che hanno dato la vita per tutta la collettività.

L’ONA chiede un incontro urgente con il Presidente del Consiglio, On.le Paolo Gentiloni, e si appella al Presidente della Camera On.le Laura Boldrini e al Presidente del Senato, Senatore Pietro Grasso, perché sia posta i calendario la proposta di legge, avanzata da tutti i gruppi politici di codificare espressamente l’equiparazione delle vittime del dovere a quelle del terrorismo.


Vittime del dovere...Vittime di uno Stato che non è stato in grado di tutelarle in vita, facendole esporre a polveri di amianto e non solo.

Lo Stato, spesso indulgente, è invece implacabile nei confronti delle vittime del dovere e delle famiglie dei deceduti per motivi di servizio: la nuova finanziaria non codifica l’equiparazione delle vittime del dovere alle vittime del terrorismo e questo imporrà di proseguire nelle cause già in corso, per ottenere la piena soddisfazione e tutela dei diritti e delle vittime e dei loro familiari.

Le vittime del dovere, per motivi di esposizione ad amianto, debbono essere parificate alle vittime del terrorismo, con conseguente adeguamento degli importi e ulteriori diritti, quali prepensionamento per gli orfani e le vedove, così come confermato dalla Corte a SS.UU.

Né è stato risolto, dal Legislatore, il problema della mancata liquidazione per coloro che al momento della morte del loro congiunto fossero economicamente dipendenti, una stortura inaccettabile, che ha portato la Magistratura, a tutti i livelli, a sanzionare il Ministero della Difesa e in ultima analisi lo Stato.

Per questi motivi le cause proseguiranno.

Padri di famiglia, mariti, che dignitosamente ogni giorno si sono diretti a lavoro per poter garantire una vita serena alle persone care, ai quali è stato riservato il peggiore dei trattamenti: una morte “consapevole”. Cosa c’è di più brutto per sé e per i propri cari della consapevolezza della morte? Una rabbia che aumenta di giorno in giorno ancor di più sapendo che tutta questa sofferenza poteva essere evitata, se solo da parte delle istituzioni e del Governo ci fosse stata una maggiore attenzione nei luoghi di lavoro e di vita...Garantire un lavoro salubre dovrebbe essere la “normalità”.

Questo è inaccettabile: proseguirò quindi tutte le azioni in difesa delle vittime dell’amianto delle Forze Armate e del personale civile e militare, anche del comparto sicurezza, che nell’espletamento del servizio, in luoghi contaminati da amianto, hanno subito danni alla salute, in alcuni casi anche con morte prematura.

E’ un’occasione persa, quella del Governo Gentiloni, che in questo caso è annegato in un bicchier d’acqua: sarebbe stato sufficiente un emendamento alla legge di stabilità per porre fine al contenzioso, ma soprattutto anche all’oscena resistenza del Ministero della Difesa alle numerose sentenze di condanna, con appelli e ricorsi in Cassazione, contro vedove ed orfani, colpevoli di aver dato la vita per la Patria.

Mentre nella retorica della celebrazione, il Governo alza la Bandiera Tricolore, dall’altra trafigge le vittime e i loro familiari costringendoli a lunghi e tortuosi iter giudiziari per far valere un diritto sacrosanto imposto dalla legge.

Per questi motivi, l’ONA, Comitato Vittime del Dovere, ONA ONLUS, chiede un immediato incontro al Premier Gentiloni affinchè venga posta in calendario la proposta di legge che sani quello che il Ministero della Difesa definisce un vuoto normativo, o meglio che tolga al Ministero della Difesa il pretesto per proseguire nelle azioni giudiziarie contro le vittime del dovere che, già in prima istanza ottengono il riconoscimento pieno dei loro diritti.

Le vittime del dovere hanno diritto ad ottenere l’assegno ex art. 2 legge 407/98 con importo mensile di € 500,00, oltre perequazioni ex lege, piuttosto che l’importo di € 258,00, come già sostenuto da me nel ricorso poi definito con sentenza del Tribunale di Cagliari in funzione di Magistratura del Lavoro, n. 917/2016.

Infatti proprio tale sentenza è stata impugnata presso la Corte di Appello di Cagliari che a sua volta ha rigettato l’appello dell’Avvocatura dello Stato e questo ha determinato un prolungarsi dei tempi processuali e a tutt’oggi una lesione dei diritti dei familiari del Capitano Francesco Paolo Sorgente che rimangono ancora in attesa di ricevere quanto loro dovuto per la morte crudele del loro congiunto.

Così in centinaia di altri casi.

Per quale motivo l’Avvocatura dello Stato si ostina a continuare ad impugnare queste sentenze?

Perché il Ministero della difesa emette dei provvedimenti che le vittime del dovere già riconosciute, debbono impugnare perché lesivi dei loro diritti?

Perché questo stato di cose?

Allora il Governo abbia la decenza di dire che è contro le vittime del dovere.

In particolare il provvedimento normativo relativo all’assegno di 500 euro, di natura risarcitoria, già previsto per le Vittime del Terrorismo, avrebbe fatto risparmiare denaro pubblico ed evitato inutili e lunghi procedimenti giudiziari che da una parte umiliano le famiglie di chi ha dato la vita per lo Stato e dall’altra congestionano i tribunali.

L'accoglimento di tale proposta avrebbe avuto anche un valore altamente simbolico, visto che il Fondo unico di giustizia è alimentato da beni patrimoniali sequestrati alla criminalità organizzata, quella stessa che hanno contribuito a contrastare e che per questo sono stati colpiti.

L'unico modo per rendere un servizio alle famiglie, agli appartenenti alle Forze dell'ordine e all’opinione pubblica è dire esattamente quali siano gli interessi improrogabili dell'attuale Governo, che evidentemente non coincidono assolutamente con quelli di quanti si sono sacrificati o si sacrificano ogni giorno per tutelare la sicurezza dei cittadini e assicurare libertà, democrazia e giustizia alla Nazione.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha costituito il Dipartimento Tutela Vittime del Dovere per Patologie Asbesto-Correlate, attraverso il quale ha sostenuto le iniziative del Comitato delle Vittime del Dovere di ONA Onlus ai fini del riconoscimento dei loro diritti di natura previdenziale, con equiparazione, anche, alle vittime del terrorismo.

1 Commenti

Incontro urgente con la dirigenza Ilva Taranto


“Chiediamo che in questa fase non si trascurino le vittime dell’amianto e i loro famigliari”.


 

L'Osservatorio Nazionale Amianto ha chiesto un incontro con la Dirigenza Ilva Taranto per la costituzione di una sede ONA all’interno dello stabilimento per permettere ai volontari dell’Associazione di supportare i lavoratori e i loro famigliari in relazione all’epidemia di patologie asbesto correlate e di malattie professionali tra i dipendenti ed ex dipendenti ILVA.

Informati su http://onanotiziarioamianto.it/amianto-ilva-ona-chiede-incontro-dirigenza-ilva-taranto/

1 Commenti

Malasanità e errore medico

Tutela i tuoi diritti. Tutti i cittadini che hanno subito un danno alla salute per errore medico hanno diritto a ottenere il risarcimento di tutti i danni.
Consulta la pagina
https://www.eziobonanni.com/risarcimento-errore-medico/

1 Commenti

Benefici contributivi amianto

Scopri tutto ciò che c'è da sapere sull'amianto: come difendersi e tutalarsi, quali sono le patologie correlate e, in caso di esposizione, come ottenere risarcimenti e prepensionamenti. 

Tieniti sempre informato su https://www.eziobonanni.com/danni-da-amianto-risarcimenti-rendite-e-benefici-contributivi/benefici-contributivi-amianto/

0 Commenti

Il ruggito del leone in divisa

Forza Antonio, non ti arrendere, siamo tutti con te!

 

Sostieni anche tu la battaglia di Antonio, egli combatte per tutti noi!


Antonio Dal Cin, ex finanziere in congedo, continua la sua battaglia. Non si arrende Antonio. Il suo appello è arrivo fino al Presidente della Repubblica e noi lo sosteniamo, affinchè nessun altro militare in servizio sia esposto ad amianto e ad altri cancerogeni.

Leggi la storia di Antonio su http://onanotiziarioamianto.it/ex-finanziere-malato-asbestosi-si-rivolge-al-presidente-della-repubblica-chiedo-riconosciuto-vittima-del-dovere-grida-antonio-dal-cin/

3 Commenti

Fiumicino (RM) - 05.03.2011: Convegno per la presentazione del Libro "Patologie Ambientali e Lavorative. MCS Amianto & Giustizia" (Ezio Bonanni, Giancarlo Ugazio).

La presentazione del libro, dedicata ai malati di MCS, e’ gestita dalle due principali categorie di operatori che una societa’ civile puo’ mettere a disposizione dei cittadini affetti da una devastante condizione clinica, l’MCS, (Sensibilità Chimica Multipla) la peggiore conseguenza del progresso derivato dalla rivoluzione industriale moderna: i sanitari e i legali, tutori della scienza medica e della scienza giuridica, rispettivamente.

 

Download
Scarica la locandina del convegno
Locandina Presentazione Libro Fiumicino
Documento Adobe Acrobat 401.1 KB