Decreto del Presidente Della Repubblica n. 639 - 1970

Attuazione delle deleghe conferite al Governo con gli articoli 27 e 29 della legge 30 aprile 1969,n. 153, concernente revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale.

Ricorsi e controversie in materia di prestazioni

Art.47.

Esauriti i ricorsi in via amministrativa, può essere proposta l'azione dinanzi l'autorità giudiziaria ai sensi degli articoli 459 e seguenti del codice di procedura civile.

Per le controversie in materia di trattamenti pensionistici l'azione giudiziaria può essere  proposta, a pena di decadenza, entro il termine di tre anni dalla data di comunicazione della decisione del ricorso pronunziata dai competenti organi dell'Istituto o dalla data di scadenza del termine stabilito per la pronunzia della predetta decisione, ovvero dalla data di scadenza dei termini prescritti per l'esaurimento del procedimento amministrativo, computati a decorrere dalla data di presentazione della richiesta di prestazione.

Per le controversie in materia di prestazioni della gestione di cui all'articolo 24 della legge 9 marzo 1989,n. 88, l'azione giudiziaria può essere proposta, a pena di decadenza, entro il termine di un anno dalle date di cui al precedente comma.

Dalla data della reiezione della domanda di prestazione decorrono, a favore del ricorrente o dei suoi aventi causa, gli interessi legali sulle somme che risultino agli stessi dovute.

L'Istituto nazionale della previdenza sociale e' tenuto ad indicare ai richiedenti le prestazioni o ai loro aventi causa, nel comunicare il provvedimento adottato sulla domanda di prestazione, i gravami che possono essere proposti,a quali organi debbono essere presentati ed entro quali termini. È tenuto, altresi, a precisare i presupposti ed i termini per l'esperimento dell'azione giudiziaria.

((Le decadenze previste dai commi che precedono si applicano anche alle azioni giudiziarie aventi ad oggetto l'adempimento di prestazioni riconosciute solo in parte o il pagamento di accessori del credito. In tal caso il termine di decadenza decorre dal riconoscimento parziale della prestazione ovvero dal pagamento della

sorte.))

Assistenza e risarcimento vittime amianto

L'avv. Ezio Bonanni e il suo team di legali assistono tutte le vittime amianto e in particolare i lavoratori esposti ad amianto e altri cancerogeni, tutelando anche i familiari.

Per ricevere una consulenza gratuita basta compilare il formulario oppure contattare il numero verde.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

numero verde ONA