Il GIP del Tribunale Penale di Pisa non accoglie la richiesta di archiviazione sul caso dell’operaio Berti Franco

Il GIP del Tribunale Penale di Pisa non accoglie la richiesta di archiviazione sul caso dell’operaio Berti Franco e dispone la prosecuzione delle indagini con acquisizione degli atti d’indagine della Procura generale di Firenze.


Vittoria per il comitato Amianto e Geotermia, rigettata in data 03.06.2010, dal Tribunale Penale di Pisa, Ufficio GIP, la richiesta di archiviazione formulata dal Procuratore della Repubblica di Pisa: il GIP dispone la prosecuzione delle indagini, imponendo di acquisire gli atti d’indagine del procedimento di cui all’avocazione del Procuratore generale della Repubblica di Firenze, Dott. Beniamino Deidda.
Il GIP del Tribunale Penale di Pisa ritiene opportuno che s’indaghi, e soprattutto che si acquisisca al procedimento penale per la malattia professionale di Berti Franco, il materiale d’indagine della Procura Generale, che ha avocato altro procedimento per caso analogo riferito allo stesso campo geotermoelettrico di Larderello.
Nel frattempo ci sono state altre doglianze, ed almeno un altro atto di denuncia.
Plauso all’impeccabile operato della Magistratura pisana viene espresso dai familiari delle vittime di mesotelioma ed asbestosi, amianto correlate, e dall’operaio Berti, uno degli ultimi sopravvissuti della cooperativa vapordotti, che si occupava della manutenzione dei vapordotti della centrale.
Proseguono le indagini difensive della parte offesa, finalizzate all’accertamento delle responsabilità.


Roma, 03.06.2010


Avv. Ezio Bonanni

Download
Comunicato in formato Word
03-06-2010_Comunicato Berti Franco.doc
Documento Microsoft Word 61.0 KB